facebook

Tecnologie Democratiche

Partecipazione, Trasparenza, Equità e Dialogo

Dimensioni carattere Aumenta Resetta Diminuisci

header flags

Come usare le nuove tecnologie per migliorare la scuola italiana

Ormai la tecnologia ci ha aiutati in tutti i campi: l'industria e l'agricoltura sono in gran parte meccanizzate, anche la tecnologia in campo medico ha fatto passi da gigante negli ultimi vent'anni. Nel nostro paese, lentamente, anche l'amministrazione pubblica si sta sempre più digitalizzando e sono moltissimi i servizi comunali che si possono svolgere facilmente su internet.

dacci una mano

La tecnologia può essere un grande aiuto per l'educazione: tutti i modi per impiegarla a scuola

Ma c'è ancora un settore che sembra non aver ancora visto questa svolta tecnologica: a rigor di logica, dovrebbe essere il primo in cui si sarebbe dovuto sperimentare. Stiamo parlando dell'educazione: ci lamentiamo sempre che i giovani stanno troppo davanti al computer o allo smartphone, eppure le scuole non sono capaci di sfruttare queste tecnologie.

Il problema chiaramente non è soltanto dell'amministrazione scolastica: molti preside si ritrovano senza soldi per il riscaldamento o la carta igienica, è quindi impossibile pensare a computer, proiettori e connessioni ultra-veloci. Dovrebbe essere la politica ad investire su tutto il territorio nazionale per rimodernare tutte le attrezzature scolastiche, anche se le risorse non sembrano, per ora, trovarsi.

Tilatti Marino

Per migliorare la scuola italiana, serve una buona dose di tecnologia

E dire che gli strumenti per rendere la scuola più a misura di giovani ci sarebbero tutti: per prima cosa, bisognerebbe creare della aule computer, dove poter svolgere ogni tipo di esercizio da un terminale. Dalle ricerche alle verifiche, grazie alla versatilità del computer non c'è niente che non si possa fare.

Non solo la scuola deve impegnarsi per fare investimenti, ma anche gli insegnanti devono saper sfruttare queste nuove tecnologie: data l'età media degli insegnanti, capita fin troppo spesso che gli alunni si trovino davanti qualcuno che ne sa meno di loro in fatto di computer.

All right reserved Tecnologie democratiche - 2017